• Determinazione

  • Personalità

  • Entusiasmo

  • Professionalità

  • Innovazione

  • Competenza

  • Passione

  • Successo

  • Creatività

prev next
Giovedì, 19 Marzo 2015 00:00

TVS: Elaborazione di un Percorso Diagnostico Terapeutico Condiviso

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

TVS: ELABORAZIONE DI UN PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO CONDIVISO

Firenze
19 Marzo 2015

Evento RES accreditato ECM

Razionale
Il termine flebite superficiale o Trombosi Venosa Superficiale (TVS), indica la presenza di uno stato trombotico-infiammatorio di una vena superficiale, ovvero sopra-fasciale. L’incidenza di Trombosi Venosa Superficiale nella popolazione generale è sconosciuta, ma sembra maggiore di quella della Trombosi Venosa Profonda. L’ecodoppler venoso è un’indagine necessaria, nella diagnosi iniziale, per escludere la complicanza più temuta della TVS di vena grande safena alla coscia, e cioè l’estensione in profondità, con conseguente Trombosi Venosa Profonda (TVP) e/o Embolia Polmonare.La prevalenza di tali complicanze delle TVS varia tra il 5,6% e il 44% per le TVP, tra il 2% e il 13% per l’Embolia Polmonare sintomatica e tra il 20% e il 33% per quella asintomatica. Le opzioni terapeutiche finora proposte, comprendono calze elastiche, antinfiammatori, eparina e anticoagulanti orali. Altre  possibilità sono la trombectomia locale, la legatura della cross safeno-femorale e lo stripping venoso. Tuttavia, il Pentasaccaride e le Eparine a Basso Peso Molecolare, sono il trattamento di riferimento nella prevenzione e nel trattamento del tromboembolismo venoso, poiché la TVS può estendersi in profondità e produrre Embolia Polmonare. La TVP ha una incidenza nella popolazione generale di 1-2 casi su 1000 abitanti l’anno, ed è pertanto la più comune malattia cardiovascolare, dopo l’infarto miocardico e l’ictus cerebrale. Si tratta di una malattia cronica multi-causale dovuta ad una interazione fra fattori genetici ed acquisiti: quando si supera una certa soglia insorge la trombosi. Anche se la diagnosi, esclusivamente su base clinica, risulta insufficiente, i dati clinici contribuiscono significativamente a determinare la probabilità che un paziente, con sintomi o segni sospetti per TVP, sia realmente affetto da tale patologia. La valutazione della probabilità clinica è fondamentale per un’adeguata gestione del paziente con sospetta TVP e deve essere effettuata prima di eseguire qualunque test diagnostico.

Destinatari dell'Evento
Il Corso è destinato a n° 35 Medici di Medicina Generale (Medici di famiglia). Il Corso assegna nr. 6.8 crediti formativi.

Obiettivo Formativo
Documentazione clinica. Percorsi Clinico-Assistenziali Diagnostici Riabilitativi, Profili di Assistenza - Profili di Cura.

 Clicca qui per scaricare il Programma in formato pdf
 
Clicca qui per scaricare la Scheda di Iscrizione in formato pdf

Letto 1808 volte Ultima modifica il Mercoledì, 11 Febbraio 2015 15:52